smartphone

Inps, va in pensione il pin: da ottobre arriva lo Spid

Per accedere ai servizi on-line dell'Istituto pensionistico sarà necessaria l'identità digitale

30 settembre 2020 / Notizie

Banner Servizio Badante

A partire dall'1 ottobre 2020 l’Inps non rilascerà più il pin come credenziale di accesso ai servizi on-line dell’Istituto. Il Pin sarà sostituito da Spid, il Sistema pubblico di identità digitale che permette di accedere ai servizi on-line della pubblica amministrazione. Per gli attuali possessori di Pin, il passaggio allo Spid avverrà gradualmente attraverso una fase transitoria che si concluderà con la definitiva cessazione della validità dei PIN rilasciati dall’Istituto. Con il passaggio dal Pin allo Spid, l’Inps rafforza il diritto dei cittadini alla semplificazione dei rapporti con la pubblica amministrazione e rende operative le politiche nazionali di digitalizzazione. Lo Spid consente infatti agli utenti di interagire con l’Istituto, con l’intero sistema pubblico e con i soggetti privati aderenti. I Pin in possesso degli utenti conserveranno la loro validità e potranno essere rinnovati alla naturale scadenza fino alla conclusione della fase transitoria la cui data verrà successivamente definita. Il passaggio da Pin a Spid non ha effetti sul servizio di Pin temporaneo. Gli utenti che accedono ai servizi Inps attraverso le credenziali Spid, Cns o Cie potranno continuare a richiedere il Pin telefonico temporaneo utile per la fruizione dei servizi tramite contact center. Il Pin sarà mantenuto per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali Spid, come i minori di 18 anni, le persone che non hanno documenti di identità italiana o le persone soggette a tutela, curatela o amministrazione di sostegno, e per i soli servizi loro dedicati. Tutti gli altri utenti dovranno pertanto dotarsi di credenziali di autenticazione alternative al Pin.
Con il passaggio dal Pin a Spid gli utenti professionali (professionisti, intermediari, operatori di enti, persone giuridiche) manterranno tutte le abilitazioni ai servizi on-line già ottenute, in quanto tali abilitazioni non sono associate alle credenziali ma al codice fiscale di ogni utente, elemento sempre richiesto per autenticarsi.

Parlato

Contattaci